Transubstantiation Act II

Transustanziazione Atto II

Oil on canvas

80 X 110 cm - 2012

Price on request

Questo dipinto fa parte di un progetto sulla blafemia vista come diritto dal titolo BlasFreeMe.
La transustanziazione avviene durante la celebrazione eucaristica, quando il celebrante invoca lo Spirito Santo perché avvenga la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del corpo di Cristo, e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo sangue, tuttavia, le caratteristiche sensibili del pane e del vino rimangono inalterate.
Insomma non si vede niente. E si badi bene non è roba simbolica, si pretende sia reale.
Ci si può chiedere perchè proprio pane e vino? Non potrebbe funzionare altrettanto bene un cibo qualunque? Se una popolazione amasse di più pane e salsiccia non sarebbe conveniente accontentarli? Anche per avvicinarne il numero maggiore possibile all’eucarestia. E poi, come d’incanto, dire “dio maiale” non sarebbe più una bestemmia ma una verità. Ma questa non è solo blasfemia, è goliardia, mi direte. Il fatto è che rimanere seri davanti alla pretesa che avvenga davvero la trasformazione del pane, che continua a sembrare pane e del vino che continua a sembrare proprio vino, nella carne e nel sangue di Cristo, uno, che se mai fosse vissuto davvero, sarebbe asceso in cielo carne e sangue compresi, e anche se fosse ancora in viaggio, come sembra probabile, sarebbe obbligato a “frantumarsi”a richiesta ogni volta che un prete consacri un pezzo di pane e un bicchiere di vino precipitandosi a raggiungerlo ovunque si trovi per transustanziarli, il fatto è, dicevo, che si può solo sghignazzare.
Ma c‘è anche un altro profondo problema teologico della cui trattazione non mi è nota traccia che riguarderebbe il “dopo”. Cosa accade dopo l’assunzione del cibo divino nella sua forma fisica? Si metabolizza? Direi di sì visto che le caratteristiche sensibili del pane e del vino restano inalterate. A questo punto ci sono due possibilità o il “divino” permane nella sostanza o se ne va alla chetichella prima di incarnare senza scampo la bestemmia “dio merda”.
Ma se se ne va prima, dobbiamo concludere che l‘efficacia dell’eucaristia è limitata su per giù a un solo giorno. Bisognerebbe ripetere continuamente il rituale, forse per questo gli stretti osservanti fanno la comunione tutti i giorni, è tutta una questione di posologia. Sarà pure goliardico, sarà irriguardoso, sarà blasfemo dirlo, ma il più importante dei sacramenti sembra superare il più sfrenato dei deliri.